Mi sembra più che doveroso approfondire ancora di più il tema dell’Home Staging, dedicando un articolo di questo Blog alle enormi potenzialità di questo settore in via di sviluppo.
In qualità di Home Stager professionista, formatasi nella Staging e Redesign School, Scuola di alta formazione che fa parte dell’associazione Nazionale di categoria riconosciuta dal Mise, Home Staging Lovers, sento la necessità di farvi comprendere ogni aspetto di questa professione, frutto di tanto studio e di costante aggiornamento.
A partire dalla preziosa guida di Fosca De Luca, Presidente dell’associazione, Direttrice e fondatrice della scuola, per poi passare ai tantissimi altri professionisti, quali l’Arch. Michela Galletti, l’Arch. Alessandra Morelli, l’Arch. Valentina Fraschetti, fino ad arrivare al reparto fotografia con Roberta Anfora e al marketing con Ilaria Mari: sono tanti i professionisti, che hanno messo la loro competenza a disposizione del mio percorso di formazione.

Grazie al loro affiancamento, posso affermare in tutta onestà di aver avuto modo di sperimentare quanto forte e potente sia l’Home Staging, quale strumento di marketing immobiliare, in grado di valorizzare e attirare l’ospite giusto per ogni struttura recettiva.
Di fatto, attraverso una serie di accorgimenti tecnici e di trucchi, che sapientemente usati faranno diventare la struttura talmente bella e soprattutto giusta per il target che si vuole intercettare, si otterrà, nel breve periodo, un aumento considerevole del numero di prenotazioni.

Prezioso è, inoltre, un attento e professionale servizio fotografico, realizzato dall’home stager stessa, formata ad hoc per far esaltare gli immobili attraverso gli scatti.
Nel mio caso, a fornirmi il sapere e la tecnica necessari per ottenere il risultato desiderato dai miei clienti, è stato il grande fotografo di interni Andrea Ferrari.
L’obiettivo è quello di catturare l’occhio, e quindi l’interesse dell’utente, a tal punto che nel frangente di quei pochi secondi questo si innamori della struttura recettiva.
Non vorrete mica dirmi che anche l’occhio non vuole la sua parte e che una buona impressione iniziale non è fondamentale?
Tenete bene a mente che valorizzare equivale ad aumentare il valore percepito e reale dell’immobile e quindi le vostre entrate future!
Ecco il motivo per cui l’Home Staging è un vero investimento redditizio e non una banale promessa.

Ma facciamo un passo indietro. Questa preziosissima tecnica nasce negli Stati Uniti da Barb Schwarz e pian piano si è largamente diffusa in Europa e in Italia.
Nel nostro Paese, ci tengo a precisarlo, la Staging e Redesign School, nella persona di Fosca De Luca, ha fatto gran parte dell’opera.
Italia, che non dimentichiamo, potrebbe facilmente vivere di turismo, viste le sue caratteristiche artistiche e le location da sogno.
Per non parlare del fatto che, ogni italiano ha sempre aspirato ad avere una casa di proprietà, ragion per cui una buona percentuale la possiede e che questa potrebbe essere utilizzata per affitti brevi e redditizi.
In tal caso, subentra la competenza dell’home stager, senza la quale l’appartamento non potrebbe esprimere tutta la sua potenzialità.
Al contrario, improvvisare solo per la convinzione di avere buoni gusti, si rivelerà una perdita di tempo e denaro.

Grazie all’intervento di Home Staging, l’immobile acquisisce valore e nasce anche la vostra brand identity, che vi farà distinguere dal resto, rendendovi molto competitivi sul mercato con un ritorno dell’investimento immediato.
Personalmente amo questo lavoro e lo faccio con trasporto. L’ho scelto tra tanti proprio perché soddisfa tutte le mie passioni artistiche e di design.
Credo che l’accoglienza sia innanzitutto benessere psico-fisico e per raggiungerlo bisogna sentirsi come a casa e mi rende felice sapere di aver contribuito a far sì che ciò accada con i miei allestimenti.
A proposito, non perdetevi l’articolo sul salone del mobile 2019, per scoprire le ultimissime tendenze dell’arredo B2B per l’extralberghiero.
Ricordatevi, dunque che con i colori, le forme, i materiali, le luci, le posizioni e tutti gli altri interventi che l’home stager mette in atto completando, riadattando, sostituendo o integrando ogni ambiente, vi consentirà di ottenere risultati misurabili, che si traducono in maggiori recensioni positive e prenotazioni della vostra struttura. Provare per credere!

Vi lascio con questo breve video.